Sport con Lui…

Consigli e Curiosità Notizie Zampa News
Sport con Lui…

Perché non approfittarne per praticare attività sportiva con il cane, mentre si passeggia, in città o in campagna, in giardino o in casa? Per il cane l’esercizio fisico inteso come gioco, se praticato nel modo giusto, risulta non solo molto divertente ma arricchisce anche la relazione con il padrone; la collaborazione e la comunicazione rafforzano il rapporto. Potreste provare giocando, a fare qualche esercizio con il vostro cane, utile sia per voi che per lui, magari finirete col prenderci gusto tutti e due…

Prima di iniziare lo sport con il cane ricordate sempre di fare un controllo dal medico e dal veterinario, per verificare sia il vostro stato di salute che quello dell’animale. Cercate di scegliere con il supporto degli esperti, uno sport adatto alla sua stazza, all’età, al peso e alle sue caratteristiche generiche di salute. Vi raccomandiamo inoltre, soprattutto durante la bella stagione, di evitare le ore più calde della giornata per lo svolgimento dell’attività fisica. La passeggiata solitamente è l’attività più praticata tra tutte, ma esistono diversi tipi di esercizi da praticare con il cane in libertà e per prepararci al meglio possiamo ricordarci alcuni suggerimenti da applicare in modo da rendere questa esperienza sempre positiva per il cane e per noi. Praticare esercizi fisici con il proprio cucciolo può spezzare il ritmo della passeggiata, migliorare l’attenzione verso il padroncino e in generale verso le nuove proposte, evitare che si soffermi sempre su certe attività difficoltose da gestire al guinzaglio come annusare continuamente il terreno o marcarlo.

Esercizi ginnici

Per esercitarci con il nostro cane, ogni luogo può essere quello adatto, bisogna imparare a interpretare l’ambiente circostante e sfruttare elementi del paesaggio per insegnargli ad esempio a superare piccoli ostacoli come muretti o paletti, guidandolo con i gesti a fare salti, slalom o seguire in un’area circoscritta un percorso in equilibrio. È importante stargli accanto non solo incitandolo ma anche accompagnandolo con gesti, voce e postura e indicargli le attività che abbiamo un livello di difficoltà adeguato alle sue caratteristiche fisiche e psicologiche. Anche quando eseguiamo i nostri esercizi, possiamo coinvolgere il nostro amico a quattro zampe; ad esempio mentre alleniamo la parte bassa del corpo con esercizi di squat possiamo chiamarlo oppure ogni volta che finiamo di allenare la parte alta lo facciamo mettere seduto. Se abbiamo uno spazio ampio, dove poter effettuare almeno una corsa continua di 100 mt, possiamo provare a fare a gara di corsa con lui. Mano a mano che le settimane passano possiamo provare ad aumentare la difficoltà degli esercizi sia per noi che per il nostro cucciolo, aumentando il numero delle ripetizioni e la lunghezza dello scatto.
Durante lo sport con il cane bisogna fare attenzione, soprattutto se si sceglie di fare attività all’aria aperta con il cane, a non portarlo libero in luoghi troppo elettrizzanti per lui. È consigliabile prepararlo alla gestione degli spazi magari prima in casa e poi gradualmente fuori, in aree più ampie. Noi di Zampa Vacanza consigliamo sempre di essere rispettosi nei confronti degli altri cani e dei proprietari, facendo attenzione a ricorrere al guinzaglio nei momenti in cui si vedono altri cani avvicinarsi, per evitare incontri poco piacevoli, per poi liberarlo quando si ha una situazione tranquilla.

A piedi e in bicicletta

La corsetta o camminata a piedi con il cane è sicuramente una delle attività da praticare all’aria aperta, più diffusa e semplice, ma richiede comunque un grande impegno. Innanzitutto è bene insegnare al cane come stare al passo e, per chi è allenato ad uno jogging professionale, c’è bisogno di munirsi di un guinzaglio adeguato a quest’attività, ad esempio un guinzaglio con pettorina, collegato a una cintura che dovrete allacciare in vita. Grazie al guinzaglio avrete le mani e le braccia libere e non rischierete di perdere di vista il cane. Se volete cimentarvi con la bicicletta insieme al vostro cucciolo, bisogna considerare brevi tratti e tenere una velocità moderata che consenta di seguirvi senza eccessivo sforzo. Prima di iniziare ad andare in bicicletta con il cane è utile, come sempre, consultare il veterinario, l’altra variabile importantissima è che esistono luoghi in cui è espressamente vietato; quindi è preferibile contattare il comune di riferimento e poi recarci su strade o sentieri di campagna in cui non è vietato. Inoltre considerate sempre il carattere del vostro amico a quattro zampe, se è un cane molto vivace che solitamente si deconcentra alla vista di altri cani, non vi avventurate in un’attività che si potrebbe rivelare negativa per entrambi. Fatte tutte le valutazione del caso si può decidere di trasportarlo con un cestino o un carrellino in modo da fargli godere il panorama intorno o di farlo correre accanto a noi. Se il cane è particolarmente allenato potete utilizzare un gancio da attaccare al sellino, in questo caso è importante abituarlo al mezzo a due ruote, al quale non è automaticamente abituato. Potete far vedere e annusare la bicicletta in tutte le sue parti, per far prendere confidenza con questo mezzo, e per le prime volte fare lunghe passeggiate tenendo la bici accanto a voi e il cane al guinzaglio.

Dallo Yoga al Doga

Il nome già ci suggerisce qualcosa di familiare: infatti il doga è lo yoga svolto con il proprio cane. Si può rivelare un’attività sia molto piacevole che utile per allungare e tonificare i muscoli, per entrare in stretto contatto con il proprio animale. Prima di pensare di praticare yoga con il cane, l’ideale è osservare le posizioni che il nostro cane assume naturalmente e magari scegliere quest’attività avendo un cane di taglia non troppo grande, per riuscire più agevolmente a praticare gli esercizi. Di solito il doga tranquillizza e rassicura il cane, isolandolo dalla confusione e dal rumore; può rivelarsi molto utile sia per gli animali che vivono in luoghi molto frequentati, rendendoli più calmi e sereni, che per cani d’appartamento che non riescono a correre e giocare liberamente. Questo tipo di attività contribuisce anche a rendere il cane più ubbidiente, rinsaldando il vostro legame. All’interno delle lezioni, oltre ai vari esercizi, sono previsti anche massaggi ed esercizi di stretching per le articolazioni. I risultati ottenuti possono essere positivi per noi e per il nostro amico a quattro zampe, sul piano mentale e fisico; questo tempo trascorso insieme in palestra ad eseguire esercizi e posizioni del doga permette di concentrarsi e dedicarsi l’uno all’altro, senza le distrazioni quotidiane.

Gioco con il frisbee

Innanzitutto è bene giocare a frisbee con il cane in sicurezza, scegliendo il frisbee più adatto per taglia, età e caratteristiche, che non danneggi la bocca del cane, che sia morbido e non produca schegge taglienti, meglio se scelto in un negozio di articoli per animali.
Una volta scelto il luogo più adatto, come una distesa erbosa, iniziamo a far entrare il cane in contatto con l’oggetto, facendolo annusare e mordicchiare.
Un buon inizio può essere quello di iniziare tutti e due a correre sul prato per riscaldarsi un po’ e provare a fare piccoli lanci, facendo rotolare il frisbee per terra, senza pretendere che immediatamente il cane riesca ad afferrarlo. Allenatevi in questo modo per una buona decina/ventina di minuti prima di iniziare con lanci che gli impongono il salto. Evitiamo di stancarlo con lanci troppo lunghi e con un ritmo serrato di gioco, facciamo subito piccole pause e attendiamo i suoi tempi di risposta. Anche questo tipo di attività può essere utile per voi; magari potete correre e giocare insieme a lui invece di attendere fermi la riconsegna del frisbee, in modo da divertirvi facendo attività fisica e bruciando calorie.

A tutto Splash

Nonostante il cane non si possa considerare un animale acquatico, ce ne sono alcuni che dimostrano interesse per l’acqua, lanciandosi temerari in fiumi, laghi o in mare. Dopo aver avuto un lancio spontaneo e un successivo atteggiamento disinvolto in acqua, senza alcuna costrizione, possiamo cominciare a stimolarlo con il lancio di uno dei suoi giochi preferiti (che conosce e usa a terra), sempre a una distanza ridotta corrispondente ad una profondità non elevata, aumentando nel tempo la lunghezza del percorso da compiere per recuperare l’oggetto. Possiamo pensare ad uno sport in acqua per il cane, se vediamo che riesce a tuffarsi e a muoversi con naturalezza. I corsi di Splash Dog ci possono consentire di approfittare di questa sua nuova abilità per goderci insieme vacanze in libertà in località di mare o lago, divertendoci con tuffi e bagni rilassanti. La disciplina dello Splash Dog riesce ad associare il piacere dell’elemento acqua con l’istinto di predazione che viene attivato gettando l’oggetto in acqua e stimolando il cane a raggiungerlo, afferrarlo e riportarlo al conduttore. Solitamente i corsi prevedono due classi differenziate in base al livello di confidenza con l’acqua e il cane viene inserito in ciascuna classe in base alla taglia nella sua categoria di riferimento. Il cane viene sempre accompagnato al trampolino e condotto poi una volta uscito dall’acqua. Durante l’esecuzione del tuffo il cane dovrà portare solo pettorine o apposite imbragature con maniglia e non il guinzaglio.

E voi, praticate attività sportiva con il vostro cucciolo, o state pensando di iniziare? Condividete la vostra esperienza con noi lasciando un commento.

Per qualsiasi dubbio o curiosità non esitate a contattare il nostro esperto Dott. Massimo Floris.

Commenta

Il tuo indirizzo email non verrà visualizzato. I campi obbligatori sono segnalati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*