Gatti e Bambini

Simona Cherubini
Gatti e Bambini

Vivere con individui di altre specie (nel nostro caso con il gatto) permette di sviluppare l’empatia e la tolleranza verso il “diverso”, a volte però l’interazione può risultare difficile, semplicemente perché l’irruenza nell’approccio, tipica dei bambini, potrebbe infatti spaventare micio.

É fondamentale che venga mostrato al bambino il giusto comportamento da adottare. I bambini sono intelligenti ed apprendono molto velocemente.

Quando i bambini sono piccoli bisogna prestare maggiore attenzione, perché potrebbero involontariamente far male al micio attraverso il contatto od il gioco. É bene far capire ad esempio che:
‐ quando il gatto dorme non va svegliato,
‐ va accarezzato in modo delicato e solo quando è micio a chiederlo.

É importante anche allestire la casa sfruttando le altezze, sia perché il gatto ha bisogno di poter vivere il territorio in verticale e sia per potersi sentire libero di scegliere di stare insieme alla famiglia, senza però essere infastidito. Se il bambino è eccitato dalla presenza del micio, per calmarlo basta spostare la sua attenzione verso qualcosa da fare, ad es. realizzare con il cartone una casetta/cuccia da donare al gatto.

Per creare una bella e sana relazione è bene puntare su questi aspetti:
‐ il rispetto verso il gatto (e verso tutte le creature); micio non è un giocattolo ma un membro della famiglia a tutti gli effetti
‐ il gioco con la supervisione del genitore; mostrare come fare ed utilizzare giochi tranquilli e che permettano di mantenere una certa distanza, il bambino infatti si potrebbe spaventare vedendo micio saltare.
‐ il giusto contatto fisico; far capire che micio non va preso forzatamente in braccio, che le carezze non vanno imposte, ma fatte solo quando il gatto ne ha voglia e che il tocco deve essere delicato. Per questo è importante la supervisione del genitore.
‐ far partecipare il bambino nella gestione e cura del gatto; spiegare cosa si sta facendo (es. il momento del pasto di micio) per coinvolgerlo e far capire l’importanza che hanno queste attività.

Simona Cherubini
Consulente per la Convivenza con il Gatto – livello Avanzato
Operatore in Comunicazione Naturale Gatto‐Uomo

Commenta

Il tuo indirizzo email non verrà visualizzato. I campi obbligatori sono segnalati con *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*